13 Marzo 2014 Cultura generale

Condividi

Ormai da qualche giorno hanno invaso il web condivisioni di un video molto particolare, che ha riscosso sentimenti alquanto contrastanti. Sarebbe stato chiesto a persone a caso, divise in coppie, di scambiarsi un bacio molto profondo con l’obiettivo che ancora è rimasto oscuro ai più.

Il popolo di Facebook ha reagito in modo eterogeneo: c’è stata la romanticona in cerca del principe azzurro che l’ha ritenuta un’idea brillante, chi l’ha condiviso per il gusto di aggiornare la bacheca, c’è chi l’ha fatto per moda, si è visto addirittura il depresso che l’ha condiviso per disperazione e infine il critico e menefreghista che ha considerato l’idea piuttosto bizzarra e inutile. In effetti, girando tra i vari profili, c’è chi addirittura ha dedicato un intero stato per esprimere disappunto e, soprattutto, con una nota di ironia, la facilità di incontrare situazioni simili nella vita reale: spiega, infatti, una gran parte di coloro che hanno condiviso il video, che basta ritrovarsi nel prive’ di qualsiasi discoteca per poter raggiungere non solo quota un bacio con uno sconosciuto, ma anche tre, quattro baci, ovviamente, con tre o quattro sconosciuti diversi.

Ci si chiede, allora, se il video costituisca un capolavoro teatrale o una copia di quello che è visibile, forse meno “romanticamente”, ogni giorno tra adolescenti sconosciuti. Sicuramente un pizzico di teatralità deve pur esserci, in un bacio rubato tra una donna di tarda età e un ragazzino con il piercing, tra due uomini e tra un uomo in carriera e una ragazzina impaurita. Ebbene si, la teatralità c’è eccome, infatti il video, che ha ottenuto condivisioni su condivisioni e infinite visualizzazioni, si è rivelato essere una pubblicità di una nota azienda di abbigliamento. E gli sconosciuti? Macché, solo semplici attori e cantanti che hanno voluto partecipare al progetto.

Non c’è dubbio sul fatto che l’azienda abbia saputo captare l’interesse di milioni di persone, in particolare delle romantiche che, deluse, hanno ripreso la loro ricerca del principe azzurro lontano però dallo schermo del pc.

Lascia un commento

Devi essere loggato per pubblicare un commento.